top of page

ven 21 gen

|

Teatro del Navile

Le Villi - Decadenza, spettri, tradimento

Il Fortunale – Compagnia Teatrale Romantica e Gotica presenta Le Villi - Decadenza, spettri, tradimento Regia e adattamento di Guglielmo del Sante Coreografia di Angela Crescente.

La registrazione è stata chiusa
Scopri gli altri eventi
Le Villi - Decadenza, spettri, tradimento
Le Villi - Decadenza, spettri, tradimento

Orario & Sede

21 gen 2022, 21:00 – 23:00

Teatro del Navile, Via Marescalchi, 2/b, 40123 Bologna BO, Italia

Ospiti

Info sull'evento

“Il Fortunale – Compagnia Romantica e Gotica” ritorna al Teatro del Navile con un nuovo debutto gotico, decadente e sperimentale.

Le Villi non è solo una opera lirica posta in chiave di prosa ma è una vera e propria ghost-story rivisitata a tema “revenge” : ove l’eroina della vicenda, schiacciata e devastata dal tradimento dell’amato ottiene finalmente la sua vendetta dall’oltretomba.

Questa breve ma intensa piece di teatro e danza, diretta e coreografata sapientemente da Guglielmo Del Sante e Angela Crescente, viene trasportata dall’epoca medioevale e fiabesca in cui avrebbe luogo la vicenda delle “Villi” (fantasmi delle ragazze morte per tradimento d’amore) all’autunno del 1989 in Germania Est.

La Decadenza di un sistema della cortina di ferro oramai corrotto e pronto a sfracellarsi si unisce alla vicenda di Robert , promesso sposo di Anna, figlia di Wilhelm, reduce della guerra che ancora crede in un mondo migliore quale quello promesso dalla propaganda del sistema.

In un contesto di totale disfacimento e abbandono ad un fato catastrofico (il crollo della DDR e di conseguenza del muro di Berlino) prende vita una storia di fantasmi che culmina con la vendetta della povera Anna, abbandonata dal fidanzato, seguendo rigorosamente le linee delineate dal libretto di Ferdinando Fontana per l’opera lirica di Giacomo Puccini.

Un’opera teatrale particolare che, si spera, crei un sentimento nuovo nel pubblico avvicinandosi forse anche più al concetto di happening che non  a quello di vero e proprio “spettacolo” in senso tradizionale.

“Le Villi”, si inserisce nel programma artistico del regista Guglielmo Del Sante come “OPERA IN PROSA” affiancandosi a titoli già sperimentati o in fase di lavorazione quali “SALOME’”, “FAUST” e “LA CENERENTOLA”.

Cos’è  un’OPERA IN PROSA?

Per Del Sante e la Compagnia “Il Fortunale” si tratta di un azzardo,  un atto rivoluzionario,  un sovvertimento totale delle regole dell’arte e dell’opera lirica. Il regista inaugura un percorso nuovo chiamato da lui stesso “OPERA IN PROSA” : i libretti delle opere liriche divengono copioni teatrali in cui la musica viene totalmente eliminata o inserita in punti pregnanti per dare risalto alla drammaturgia, allo sviluppo dell’azione scenica non più dipendente dalla musica.

L’opera in prosa è, secondo il regista, uno strumento fondamentale per poter consentire al pubblico di riavvicinarsi alla lirica conoscendo e sperimentando PRIMA la STORIA, L’INTRECCIO che viene poi sorretto  dalla musica dell’opera lirica, in altre parole un invito a studiare lo spunto drammatico per ritornare in un secondo momento a gustare in maniera più piena e meno apatica la grandezza dell’opera lirica.

E’ lirica senza musica, è un rinascimento del melodramma dove i personaggi ci invitano a capire il significato delle loro azioni, le gioie, i dolori, l’esplosione forte e violenta delle emozioni (firma stilistica del regista e della Compagnia che fa sempre riferimento ad una sorta di Neoromanticismo e Neodecadentismo).

Il copione dell’opera teatrale è stato direttamente adattato dal regista Guglielmo Del Sante dal libretto dell’opera lirica “Le Villi” , scritto da Ferdinando Fontana, seguendo la versione  dell’edizione italiana del 1974 (Casa Musicale Sonzogno – Milano).

TRAMA

Berlino, Repubblica Democratica Tedesca (Germania Est), Autunno 1989.

ATTO I

Si festeggia il fidanzamento fra Robert  ed Anna, figlia di Wilhelm , orgoglioso operaio in pensione e ultimo tra i  sostenitori della DDR.

Anna è tuttavia triste perché il fidanzato, membro della polizia di regime, sta per mettersi in viaggio verso Lipsia, allo scopo di prendere parte al contrasto governativo contro alcune sommosse che stanno attraversando il paese.

ATTO II 

Dalla voce di un narratore apprendiamo che il presentimento di Anna si è avverato. Giunto a Lipsia, Robert si è lasciato sedurre da una prostituta locale, dimenticandosi della fidanzata lontana, che nel frattempo è morta di dolore. Infine, abbandonato dall'amante, Robert ha deciso di far ritorno a Berlino Est per implorare il perdono di Anna, di cui ignora la tragica sorte.

È notte. Il vecchio Wilhelm, che non può darsi pace, invoca l'intervento delle Villi: le magiche creature che si danno convegno nelle notti  facendo danzare convulsamente i traditori d'amore fino a provocarne la morte.

Giunto alle porte del muro, preda della nostalgia e del rimorso, Robert intravede il fantasma di Anna, che con infinita rabbia e tristezza  gli si rivolge per ricordargli le promesse di fedeltà e il tradimento di cui si è macchiato.

Robert fa per muovere verso di lei, quando uno stuolo di Villi lo afferra e lo coinvolge in un ballo vorticoso. All'alba, mentre Robert giace ormai senza vita, Anna ottiene la sua vendetta uccidendolo con le proprie mani. 

Con la morte di Robert si consuma un ultimo rantolo di decadenza, corruzione e tradimento che si sublima nel crollo del muro di Berlino ad opera delle stesse Villi, oramai liberate insieme ad Anna, loro regina.

___________________________________________________________

Il Fortunale – Compagnia Teatrale Romantica e Gotica

presenta

Le Villi Decadenza, spettri, tradimento Regia e adattamento di Guglielmo del Sante Coreografia di Angela Crescente Costumi di Elisa Campari Trucco di Lucia Testa Musiche elettroniche a cura di Guglielmo Del Sante con Chiara Pancani, Davide Nizzoli, Fabio Menis, Ida Bort

Corpo di Ballo e coro: Elisabetta Bigi e Yasmine Cosentini

___________________________________________________________

Ingresso: Posto Unico € 12,00  

riservato ai soci Teatro del Navile - ARCI - UILT.  Prenotazione Obbligatoria.

Nei locali del Teatro del Navile si accede con mascherina e Green Pass.

I locali sono sanificati ogni giorno con Ozono.

Possono accedere nei locali del Teatro del Navile i soci tesserati

di TEATRO DEL NAVILE  - COMITATI E CIRCOLI ARCI - Iscritti alle compagnie UILT (Unione Italiana Libero Teatro).

MINISTERO DELLA SALUTE

ORDINANZA del 2 dicembre 2021

Adozione delle linee-guida per la ripresa delle attività economiche e sociali.

Se non sei ancora iscritto/iscritta al Teatro del Navile:

1) Nel rispetto delle linee-guida del Ministero  della Salute e al fine di  evitare code e assembramenti alla reception e  alla biglietteria, dopo aver prenotato compila online il modulo di

REGISTRAZIONE MULTISTEP

Condividi questo evento

bottom of page