© 2018 - 2019  Teatro del Navile

  • Grey Facebook Icon
  • Grey Google+ Icon
  • Grey YouTube Icon
  • Grey Instagram Icon

Teatro del Navile, Via Marescalchi 2/b - 40123 Bologna

teatrodelnavile@gmail.com  |  Tel: +39051224243

Immagine di fondo: Marcello Di Benedetto, Lucio Dalla in concerto, 29 giugno 1989

Il teatro del navile, culla di cultura indipendente

di Michela Matani

Teatro del Navile Scuola di Teatro Bologna

Michela Matani, in occasione del Festival "Bologna in Lettere 2014", ha scritto sul blog dell'agenzia letteraria ilromanzo.it un dettagliato articolo sul Teatro del Navile, che ripercorre, in una sintesi originale, l'esperienza del teatro dagli esordi ad oggi. Eccolo di seguito. Grazie Michela, per il prezioso e inestimabile contributo! 

 

 

"Il Teatro del Navile è uno dei preziosissimi laboratori culturali bolognesi. Non lontano da Piazza Nettuno, si trova in una laterale dell'elegante via D'Azeglio. Un po' nascosto, in effetti, va cercato. Anche in questo sta il suo fascino. Sembra voglia accamparsi in pieno centro storico ma proteggendo la sua unicità.

 

Non ci si accorgerebbe del suo piccolo ingresso se, camminando per via Marescalchi, a un certo punto non si alzasse lo sguardo e per caso non si incrociasse la scritta “Teatro del Navile”.

 

Si entra e subito si scende una stretta gradinata che conduce a un foyer caldo e accogliente, che sa di intimo. Ancora qualche scalino e si raggiunge lo spazio teatrale, che ospita fino a una settantina di posti vicinissimi al piccolo palcoscenico su cui si potrebbe salire d'un balzo. La distanza tra artista e spettatore è annullata in questo luogo che sa di parigino e di orientale e a cui Nino Campisi e Lucio Dalla hanno ridato vita.

 

La particolarità dello spazio era già stata valorizzata dal cantautore bolognese, che, in un'intervista del 2011 al «Resto del Carlino», aveva affermato: «È già straordinario che qui le scale si scendano anziché salirle. Poi lo spazio ridotto e quasi nascosto favorisce l’esplosione da basso dei talenti. In più qui si genera quella fusione tra musica e parole che è essenziale per la teatralizzazione. Insomma può proprio diventare il centro di quella rinascita che istituzioni non distratte ma curiose dovrebbero favorire anche per formare il nuovo pubblico, quello dei giovani, che oggi manca».

 

Insomma, il Teatro che fu tra gli anni '50 e '60 la celebre Buca Genasi, cenacolo artistico in cui si esibiva il tenore Mario Del Monaco, nel 1998 è diventato un centro culturale dinamico e aperto alle sperimentazioni, un laboratorio di cultura sofisticata e indipendente, classica e giovane.

 

Nobili origini e nobili propositi, dunque, per il Teatro del Navile, oggi galleria d'arte, salotto letterario, sede della Compagnia omonima e della Scuola di Teatro diretta da Campisi, artista dal curriculum ricchissimo, a partire dagli esordi a fianco di Dario Fo. Sul palcoscenico si sono succedute esperienze teatrali di altissimo livello (da Pinter a Pirandello, da Pasolini al famoso Ritratto di Sanguineti diretto da Giuseppe Bertolucci), performance sperimentali, concerti (celebre quello del 2011 che vide su palco Marta sui Tubi accanto a Dalla), reading poetici.

 

A breve il Teatro aprirà infatti le porte al Festival Bologna in Lettere 2014, organizzato da Letteratura necessaria. Il 30 e il 31 maggio autori indipendenti o riuniti in gruppi e associazioni invaderanno locali, teatri, strade, librerie e biblioteche. Non potevano mancare al Teatro del Navile, uno dei piccoli grandi miracoli di una città che non ha voluto lasciare all'abbandono (o all'archeologia) uno spazio di rilevanza storica, rivitalizzandolo grazie a energie ansiose di esprimersi e confrontarsi.

 

Un modello esportabile. E una testimonianza di come, quando autentiche competenze si mettono in gioco in modo creativo valorizzando le ricchezze del territorio, si possa fare cultura viva."

 

"Il Teatro del Navile, culla di cultura indipendente", di Michela Matani

articolo pubblicato sul sito www.sulromanzo.it il 27/05/2014

 

2010 - present

2010 - present