© 2018 - 2019  Teatro del Navile

  • Grey Facebook Icon
  • Grey Google+ Icon
  • Grey YouTube Icon
  • Grey Instagram Icon

Teatro del Navile, Via Marescalchi 2/b - 40123 Bologna

teatrodelnavile@gmail.com  |  Tel: +39051224243

Immagine di fondo: Marcello Di Benedetto, Lucio Dalla in concerto, 29 giugno 1989

Viscere mentali, Giancarlo Mattioli

Spazio Arte

 

Stagione 2015/2016

Gian Carlo Mattioli/Viscere metali

 

Venerdì 15 gennaio, dalle ore 18 alle ore 20, 

 

inaugurazione della mostra personale

Viscere mentali

opere di Gian Carlo Mattioli

 

Orari di apertura: dal 15 al 22 gennaio

dalle ore 18 nei giorni di programmazione della stagione teatrale.

 

"Non esistendo il vuoto assoluto ogni concetto si materializza in spazi con forme e colori. La mente è un universo che contiene infinite forme e che esprime idee che si contrappongono, si fondono o restano in attesa di essere tradotte in altra dimensione.

 

Come un corpo umano, la mente si organizza in dimensioni del tutto personali, in forme in parte predeterminate e  in parte riordinate dall'uomo.

 

Dopo molteplici analisi perciò ho rappresentato i miei concetti come “viscere”, “bolle” contenenti desideri ed aspirazioni, debolezze e forze, suscettibili di esplodere o di restare stabili.

 

Tali forme sono da me tradotte in opere grafico-pittoriche , dove utilizzo una tecnica mista  che va dall'uso della penna biro, del pastello, del pennarello, e di collage riproducenti sezioni di quadri classici per esprimere un collegamento, per me logico, tra l'arte tradizionale e quella attuale di genere surrealista."

 

Gian Carlo Mattioli

 

Pittore, restauratore e decoratore, Gian Carlo Mattioli opera sia nel pubblico che nel privato. La sua carriera professionale comincia intorno agli anni ’60 dopo gli studi alla Scuola d’Arte di Bologna. Uno dei suoi restauri più imponenti è l’ancona alta 12 metri dell'altare maggiore della chiesa di Santa Maria dei cieli detta dei poveri in via Nosadella, opera di Giuseppe Maria Mazza. Mattioli ha restaurato anche Palazzo Fibbia in via Galliera, intervenendo sugli affreschi del ‘600, ‘700 e ‘800.

Ha lavorato anche come esecutore di scenografie per opere liriche allestite dal Teatro Comunale di Bologna (La Traviata e il Don Giovanni di Mozart) e per il Teatro Testoni per l'opera “I Paraventi” di Genet su bozzetti di G. Pomodoro, e come decoratore in alcuni film dei primi anni novanta.

Dalle fine degli anni ottanta, Mattioli affianca al suo lavoro la ricerca e la catalogazione dei monumenti della Certosa di Bologna. Mattioli ha continuato la sua attività pittorica esponendo le sue opere in varie mostre personali tra cui “La tensione di Achille” al Museo Civico, e “Strutture in tensione” nella sala delle fontane di Villa Pallavicini.