© 2018 - 2019  Teatro del Navile

  • Grey Facebook Icon
  • Grey Google+ Icon
  • Grey YouTube Icon
  • Grey Instagram Icon

Teatro del Navile, Via Marescalchi 2/b - 40123 Bologna

teatrodelnavile@gmail.com  |  Tel: +39051224243

Immagine di fondo: Marcello Di Benedetto, Lucio Dalla in concerto, 29 giugno 1989

Spazio Arte

Spazio Arte

 

Stagione 2015/2016

 

Venerdì 30 ottobre

dalle ore 18 alle ore 20

presentazione del libro

 

LA MACCHINA DEL TEMPO SOSPESO 

Storie e di fobie del passato e del presente "tra Bologna e dintorni"

di Alfredo Vigarani, (Editutto, 2014)

 

dialogo dell'autore con Manuela Rubini e Fabio Raffaelli.

Letture di Nino Campisi. Ingresso libero.

 

Storie del passato che si riverberano sul presente, a partire dai luoghi intorno a Bologna che ne sono state teatro e accanto a cui noi oggi passiamo ignari: Villa Fortuzzi (oggi Villa Giulietta) a Casalecchio di Reno, i borghi lungo il Samoggia, la stazione ferroviaria di San Pietro in Casale. Questa l'ispirazione di La macchina del tempo sospeso, tra Bologna e dintorni (Editutto, 2014), il libro di Alfredo Vigarani che l'autore presenta insieme alla storica dell'arte Manuela Rubbini, autrice della prefazione al testo e al gionalista Fabio Raffaelli. 

I cinque racconti di Vigarani conducono il lettore dal passato della guerra al presente con i suoi problemi pratici (le odissee dei pendolari ferroviari) e filosofici (la questione dell'autostima e il suo rapporto con la natura). Si compie così, secondo la prefazione di Manuela Rubbini, "un viaggio che solo apparentemente si svolge dentro la Bologna del ricordo, perché in realtà ci fa scavare dentro di noi, nelle nostre paure e fobie, quelle che almeno una volta nella vita ci hanno svegliato di notte, quelle che spesso hanno svegliato l'autore: è lui che se ne fa carico al posto nostro così da servircele digerite, pronte per essere metabolizzate [...] Eppure questo meditare non ci pesa perché l'atmosfera degli ambienti dove viene narrata la storia è fascinosa [...] È così che gli antichi passaggi segreti diventano antri della memoria ancestrale dove raccogliersi in meditazione lontano dalle vicissitudini quotidiane". 

 

Alfredo Vigarani, nato e cresciuto a Casalecchio di Reno, vive con la moglie Rosaria a Massumatico, nei pressi di San Pietro in Casale. Ha ricoperto ruoli di pubblico amministratore nei Comuni di Casalecchio di Reno (dove è stato vicesindaco dal 1995 al 1999) e San Pietro in Casale e presso la Provincia di Bologna. È appassionato di scienze umane, che approfondisce attraverso lo studio dalla cultura locale, e si dedica alla scrittura con passione mentre percorre in treno la distanza che lo separa dal lavoro; La macchina del tempo sospeso è la sua prima esperienza editoriale.