© 2018 - 2019  Teatro del Navile

  • Grey Facebook Icon
  • Grey Google+ Icon
  • Grey YouTube Icon
  • Grey Instagram Icon

Teatro del Navile, Via Marescalchi 2/b - 40123 Bologna

teatrodelnavile@gmail.com  |  Tel: +39051224243

Piè di pagina: Lucio Dalla in concerto, 29 giugno 1989 - © Marcello Di Benedetto

Intestazione: Lucio Dalla - © Andrea Salvato

Confessioni di un Homo Sapiens


Venerdì 19 ottobre, alle ore 21, "Confessioni di un Homo Sapiens" di Maurizio Corrado, con Umberto Fiorelli e Tommaso Fortunato (Prima assoluta).


Lo spettacolo è il risultato di una ricerca approfondita sulle origini della nostra specie, che Maurizio Corrado ha già trattato in due libri: “Il sentiero dell’architettura porta nella foresta”, (Franco Angeli, 2012) e “L’invenzione della casa. Storia di una trappola.” (Primiceri, 2018). Il protagonista ricorda le sue origini e la vita nel Pleistocene partendo rapporto con la propria donna. Attraverso la forma del monologo narrativo in tono leggero, l'autore punta l’attenzione sul passaggio dalla vita mobile e libera, che abbiamo fatto per oltre trecentomila anni, a quella sedentaria iniziata “appena” diecimila anni fa con l’agricoltura, e da cui sono derivati confini, limiti, muri e la stessa struttura della società nella quale oggi viviamo, fondata sull’avere, al contrario di quella precedente, fondata sull’essere. Uno spettacolo in cui la visione della nostra storia viene ribaltata completamente. Ogni informazione riportata è documentata e proposta in tono leggero e divertente.


Maurizio Corrado


Architetto e autore, nel 1994 si diploma alla Scuola di Teatro diretta da Nino Campisi. Scrive letteratura e teatro. Ha curato trasmissioni di design per Canale 5 e SKY, pubblicato con diversi editori oltre 20 libri a tema ecologico di cui alcuni tradotti in Francia e Spagna, ha diretto riviste e collane editoriali. Tra le pubblicazioni per il teatro, le raccolte di testi “Teatro ecologico”, Bohumil Edizioni, 2008 e “Tre atti unici”, Modo, Bologna 2018.


Maurizio Corrado in "Antigone" di Jean Anouilh, regia di Nino Campisi. Teatro del Navile, 2016.

Umberto Fiorelli

Attore, Regista e Sceneggiatore, socio fondatore della compagnia Fantateatro di Bologna, insegna teatro ad adulti e ragazzi, conduce e progetta laboratori, collabora con scuole e associazioni.

Umberto Fiorelli in "Confessioni di un Homo Sapiens" di Maurizio Corrado

Debutta nel 1995 con TeatroAperto di Bologna ne “La Bisbetica Domata”, e dopo essersi diplomato alla Scuola di Teatro del Teatro Dehon diretta da Nino Campisi, resta nella compagnia fino al 2000 come attore. Prosegue nel frattempo la sua formazione, studiando negli anni la commedia dell’arte con Antonio Fava, il teatro comico con Corrado Nuzzo, Sandra Cavallini e Bruno Nataloni, l’uso della voce con Ombretta Franco e Stefano Zuffi, il teatro danza con Gilles Coullet e Sara Cappelletti, il canto difonico con Andrea Di Luca, la clownerie con Philip Radice. Nel 2000 esordisce alla regia come Assistente di Alessandro Maggi in “Macbeth”, e negli anni successivi è autore e regista di numerosi spettacoli teatrali. Nello stesso anno va in scena con “Il Parcheggio”, di Maurizio Corrado.

Nel 2002 è autore e protagonista del cortometraggio “Grazie”, vincitore del festival “Visioni Italiane 2003”. Nel 2004 è in tournée nazionale con “il Medico per Forza” di Molière e “il Servitore di due Padroni” di Goldoni per il Teatro della Perla. Nel 2006 è autore e regista de “La Curiosità di Tommaso” e “Con-Dannati”, nel 2007 è protagonista di “Fando e Lis” di Fernando Arrabal, messo in scena con la collaborazione dell'autore, e di “Jacques e il suo Padrone” di Milan Kundera. Nello stesso anno è Brancaleone nello spettacolo itinerante “Brancaleone da San Vitale” del Teatro dei Mignoli, compagnia con cui realizza anche il progetto di Drammaturgia Urbana “Angeli alle Fermate” in collaborazione con Comune di Bologna e Atc (oggi Tper).

Nel 2008 e 2009 è protagonista, rispettivamente nei panni di Giosuè Carducci e di Giovanni Gozzadini, dello spettacolo di piazza per le celebrazioni petroniane. Nel 2009 è autore e protagonista di “M'Illumino di Scienza”, interpretando Guglielmo Marconi nello spettacolo svoltosi in Piazza Maggiore a Bologna, evento conclusivo della manifestazione “La Scienza in Piazza”.

Dal 2008 lavora stabilmente per la compagnia Fantateatro, diretta da Sandra Bertuzzi, sia come attore, interpretando tutti gli spettacoli della compagnia nelle varie rassegne in tutta Italia (circa centoventi repliche annuali), che come formatore.


Tommaso Fortunato

Tommaso Fortunato in "Confessioni di un Homo Sapiens" di Maurizio Corrado

A 10 anni intraprende il primo viaggio per l’Europa con la compagnia Cricot2 di Tadeusz Kantor che determinò poi, non solo i suoi studi, ma tutti i suoi interessi.

Laureato al DAMS, ha l’occasione di confrontarsi con i classici, secondo la poetica di Arnaldo Picchi al quale dedica un saggio (pubblicato in Culture Teatrali) intitolato “Personaggi: forze mentali” che ben riassume il suo pensiero sul teatro.

Lavora con Sergio Fantoni, Luigi Squarzina, il musicista Niccoló Sorgato con il quale scrive uno spettacolo musicando film di Buster Keaton.


In radio scrive recita e dirige radiodrammi oltre ad essere speaker e autore di programmi, e al cinema con G. Zanasi “Non pensarci”, con F. Vendemmiati “È stato morto un ragazzo”.

Poi conosce Sandra Bertuzzi, scopre il teatro pedagogico e fonda Fantateatro, del quale dal 2008 è attore, docente teatrale nei laboratori e continua a lavorare spinto dalla convinzione che il teatro possa rendere il mondo un posto migliore.



Ingresso riservato ai soci:

tessera € 1,00 – Biglietti: Posto unico €10,00.

Biglietteria ore 20.30 - Inizio spettacolo ore 21.


Prenotazioni


#teatro #stagione20182019



123 visualizzazioni