Se stai cercando di espandere il tuo bagaglio di competenze nella recitazione teatrale e cinematografica e di realizzare i tuoi sogni con amore, desiderio e volontà, la Scuola di Teatro di Nino Campisi è il posto che fa per te.

Ogni spettacolo realizzato dalla scuola di teatro è un'esperienza comunitaria unica e irripetibile. Lo sguardo, l'espressione e la parola restano indelebili nella memoria. Siamo orgogliosi delle realizzazioni dei nostri allievi e della nostra storia.

IL TEATRO DI LUCIO

Grazie alla vicinanza artistica di Lucio Dalla, il Teatro del Navile è diventato un luogo magico, unico e inimitabile, luogo di frontiera tra formazione e produzione artistica, retrovia fondamentale per i nuovi talenti. (...)

Nel 1998 nasce il Teatro del Navile sotto la buona stella di Lucio che in conferenza stampa dichiara: “Un posto così è essenziale, perché qui si può sperimentare, osare e fare ritorno alla musica acustica, vera, che ormai, sempre meno si trova nei grandi concerti. E' un luogo off-limits anche per il teatro della musica. (...) 

 

Qui si potrà lavorare senza quelle selezioni e quella retorica tipiche dei locali dove si fa musica, si lavorerà in modo artigianale. Avevamo proprio bisogno di un posto così".

TESTIMONIANZE

Lucio Dalla e Nino Campisi al Teatro del Navile

«Ho comprato una casa di mille metri quadrati qui in via D’Azeglio solo perché c'è il Teatro del Navile. Il Teatro del Navile è un luogo stimolante.

 

A Bologna, ma anche in Italia, si fa solo del teatro ufficiale, questo è invece uno degli ultimi e dei pochi posti dove si può fare teatro di formazione, di avanguardia, dove si può sperimentare, un po come facciamo con la musica."

Lucio Dalla

Group Shot .jpg

"Nella Scuola di Teatro diretta da Nino Campisi viene insegnato un innovativo metodo di formazione dell’attore basato sul cambiamento e sull’evoluzione personale e vengono impartite tecniche ancora sconosciute nel panorama formativo del teatro italiano.  L'attore è cosi in grado di interpretare il personaggio e personificare la parte con il massimo di rendimento e soprattutto con un personale apporto creativo."

Manuela Foschi

Edoardo Sanguineti e Nino Campisi, 2006